Maria Popova, In a new world of informational abundance, content curation is a new kind of authorship

Il testo, pubblicato presso il Nieman Journalism Lab, prende spunto dall’uso di Twitter come strumento per segnalare indirizzi. Questa tecnologia, come diceva Socrate nel Fedro a proposito del testo scritto, può apparire esposta al rischio di renderci smemorati e “sconnessi”, se non ne comprendiamo il senso. I nuovi mezzi di comunicazione si devono misurare non con la scarsità dell’informazione, ma con la sua sovrabbondanza: i segnalatori, orientando l’attenzione, svolgono un lavoro che – avrebbe detto Platone – ha più a che fare con l‘anamnesis che con l’hypomnesis: non si limitano a riportare informazioni, ma suggeriscono dei percorsi e dei nessi. Sono cercatori di conoscenza e battitori di piste.

Se si ammette il carattere ricognitivo e non meramente informativo del lavoro dei curatori, bisogna anche riconoscerli come una nuova specie di autori. La rappresentazione dell’autore come creatore di contenuti è tipica del mondo della stampa e della cosiddetta proprietà intellettuale; il curatore, che produce testi fisicamente aperti e interconnessi, è invece più simile a un mediatore, a un custode della sapienza della rete.

A sostegno di questa tesi segnalo in aggiunta, nella mia veste di curatrice, il recentissimo Post-artifact booking, di Kevin Kelly, che rappresenta il networked book come una collezione dinamica di link, frutto di un’attività di cura, anziché come un artefatto immutabile com’era nell’età della stampa e dei monopoli intellettuali. E mi piace ricordare che Kant, in un testo pochissimo compreso dai kantisti accademici, aveva già in mente questa visione quando trattava il libro come discorso e i curatori come autori. Non aveva bisogno di essere profetico: l’uso del testo come strumento per mettersi in rapporto col pubblico, e la sua moltiplicazione, reinterpretazione e diffusione grazie all’opera di curatori, era parte di quel processo rivoluzionario di disseminazione del sapere che prende il nome di Illuminismo.

image_print
Tags:

Accessi: 529

3 thoughts on “Maria Popova, In a new world of informational abundance, content curation is a new kind of authorship”

  1. Merita di essere letto, della stessa autrice, anche “Accessibility vs. access. How the rhetoric of rare is changing in the age of information-abundance“: il sapere è protetto da due barriere, quella dell’accessibilità e quella dell’attenzione. La prima, quando non è artificiosamente tenuta in piedi dal copyright, sta oggi crollando, la seconda rimane e consolida la sua forza, specie se ci si affida esclusivamente agli algoritmi dei motori di ricerca, che mettono ai primi posti ciò che è popolare. In questa situazione diventa tanto più indispensabile il lavoro dei curatori umani – gli unici in grado di render popolare e di valorizzare ciò che, pur essendo accessibile, rimane culturalmente “raro”.

  2. Buonasera, grazie in particolare per l’inedito di Kant.

    Segnalo link che punta doaj.org non funzioante su worldCat:
    https://www.worldcat.org/title/maria-popova-in-a-new-world-of-informational-abundance-content-curation-is-a-new-kind-of-authorship/oclc/820599979&referer=brief_results

    Trattasi del secondo che trovo quest’oggi, fatto molto raro per il materiale liberamente scaricabile. Le biblioteche comunali sono già deindicizzate da WorldCat; speriamo che non capiti anche per le directory Open.

    Probabilmente, le biblioteche associate a WorldCat necessiterebbero dei fondi edelle riorse umane della directory di Google (a bane vedere semiautimatica, http://archive.is/e7F9G).

    Saluti

    micheledisaveriosp, utente Wikipedia.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.