Il nazional-fascismo economico del giovane Franco Modigliani

Copertina libroLa collana ad accesso aperto Methexis si è arricchita di un nuovo volume edito da Firenze University Press, scritto da Luca Michelini: Il nazional-fascismo economico del giovane Franco Modigliani.

Il volume ricostruisce per la prima volta il profilo intellettuale del giovane Franco Modigliani. La sua adesione alle teorie economiche e politiche del fascismo è connessa a riflessioni d’avanguardia su argomenti centrali del dibattito teorico: il pensiero di Keynes, le cause e i rimedi alla Grande Crisi del 1929, le ragioni teoriche e storiche del nazionalismo economico, l’autarchia fascista. Modigliani, che aveva abbracciato la teoria del razzismo spirituale, è però colto di sorpresa dalla promulgazione delle leggi antiebraiche del 1938. Emigrato negli USA, l’economista, accantonata la cornice ideologica fascista e nazionalista, continua a coltivare lo studio della pianificazione e del pensiero di Keynes, del quale offrirà un’interpretazione destinata ad avere fortuna mondiale fino ai giorni nostri.

image_print
Tags:

Accessi: 60

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.