Ma praticate la revisione paritaria?

Certo  Il nostro sistema a doppio livello, composto da un archivio aperto e da un overlay journal, ci consente di  selezionare e segnalare gli articoli che riteniamo utili e interessanti  senza censurare quanto, dal nostro punto di vista, non lo è, ma che qualcun altro potrebbe apprezzare più di noi. La trasparenza sia sul piano della pubblicazione sia su quello della selezione rende possibile a chiunque  controllare come lavoriamo. Conoscete una rivista ad accesso chiuso  che possa offrire un grado di pubblicità paragonabile?

La precedente versione del btfp praticava la revisione paritaria ex ante, pubblicando gli articoli rifiutati in un’apposita pagina,  in modo tale da rendere trasparenti le nostre scelte senza censurare nessuno. Inoltre, grazie a Hyperjounal, ci era possibile lavorare in triplo cieco, come nessun’altra rivista fa:  l’autore depositava l”articolo in modo anonimo,  associandogli una password che il sistema conservava in modo che fosse nota soltanto a lui.  In questo modo la redazione  conosceva il suo nome solo dopo l’accettazione o il rifiuto del testo:  le era dunque impossibile selezionare i revisori in modo da sfavorire i nemici e favorire gli amici.

Come tutti i progetti basati su software libero, Hyperjournal avrebbe avuto bisogno di una massa critica di riviste che lo adottassero. Questo non è avvenuto. Alla fine noi stessi, non essendo riusciti a rendere più equa la revisione paritaria ex ante,  abbiamo preferito un sistema che permettesse la discussione dei testi ex post

Accessi: 208