logo btfp Bollettino telematico di filosofia politica

Online Journal of Political Philosophy

Risultato [35-36]

Se ammettiamo che la verità è un interesse di tutti, compresi il governo e le facoltà superiori sue ministre, allora - conclude Kant - l'antagonismo fra le facoltà non è una guerra, ma una controversia in cui le parti sono unite da uno scopo comune. Infatti, se davvero la verità è il fine di tutti, allora non ci può essere contrapposizione di intenzioni sul mio e sul tuo sapere. Nessuna pretesa di conoscenza, cioè, può ritenersi al riparo dalla critica semplicemente perché si proclama patrimonio intangibile di una qualche istituzione.

Del resto, osserva Kant, anche nella politica la libertà è prioritaria alla proprietà: la libertà è ciò che mi rende soggetto morale e, in quanto tale, è anche condizione di possibilità della proprietà. La proprietà, infatti, è un tipo di relazione giuridica fra soggetti liberi: se, dunque, disconoscessimo la libertà dei soggetti morali dovremmo disconoscere anche le relazioni giuridiche con le quali si attribuiscono il mio e il tuo.

Pertanto, anche per quanto concerne il conflitto delle facoltà, dobbiamo riconoscere che, qualora alle facoltà superiori venga attribuito un privilegio come qualcosa di proprio, non possiamo negare alla facoltà di filosofia la libertà di criticarlo pubblicamente. In generale, la libertà della penna è uno dei criteri di demarcazione che permettono di distinguere un ordinamento giusto, fondato sul diritto e sulla libertà che ne è condizione di possibilità, da uno ingiusto, basato sulla mera forza. Un sistema di controllo dell'università che riconosca solo facoltà ministeriali e reprima le facoltà indipendenti non mette semplicemente a repentaglio le prerogative di una minoranza di "addetti alla ricerca" ma lede la libertà di tutti - o almeno la libertà di tutti coloro che, non accontentandosi di vivere in condizioni di minorità, vogliono essere trattati come soggetti di diritto.

Approfondimenti

Immanuel Kant . Il conflitto della facoltà filosofica con quella giuridica. Riproposizione della questione: se il genere umano sia in costante progresso verso il meglio. Versione italiana con annotazione dalla curatrice.

Creative Commons License

Immanuel Kant: una critica dell'università by Maria Chiara Pievatolo is licensed under a Creative Commons Attribution-ShareAlike 4.0 International License.
Based on a work at http://btfp.sp.unipi.it/dida/kant_s