Francesca Di Donato, Lo stato trasparente. Linked Open Data e cittadinanza attiva

Il libro, liberamente scaricabile a partire da qui,  presenta un’istantanea di un fenomeno recente: il movimento Open Government Data.

Questo movimento trae ispirazione dal software libero e della pubblicazione ad accesso aperto, fondate entrambi sulla scelta d considerare la conoscenza come un bene comune. Si tratta, questa, d una scelta perché i nostri ordinamenti impongono agli autori un regime di monopolio intellettuale, se questi non manifestano un’esplicita volontà contraria. Il movimento caldeggia l’adozione di licenze completamente aperte, senza la clausola “non commerciale”, per promuovere sviluppo economico e innovazione. In questa prospettiva, illustrando lo stato dell’arte del movimento alla fine del 2010, il libro cerca di chiarire le condizioni giuridiche e tecniche alle quali i dati possono essere definiti aperti, per l’uso degli amministratori pubblici.

Il movimento per i dati aperti lavora per la trasparenza e la leggerezza: in luogo di grandi progetti dall’alto, costosi e inefficienti (e-gov) propone semplici infrastrutture per pubblicare i dati, i quali, a loro volta, sono di per sé l’infrastruttura della nostra autocoscienza sociale. Questo modello, detto anche gov2.0, propugna dunque un’amministrazione trasparente e un controllo democratico partecipativo: la rete è un essenziale spazio di cittadinanza. Una sensibilizzazione politica su questo tema può avere anche un forte effetto di ritorno su dati non propriamente amministrativi, come per esempio quelli scientifici. Chi vuole che l’università pubblica metta a disposizione i suoi esperimenti e i suoi testi sta appunto chiedendo che un’amministrazione pubblica offra a tutti i suoi, peculiari, dati.

Non è sufficiente però che i dati siano aperti: essi possono diventare significativi solo se sono collegati fra loro e contestualizzati come linked data. Questa filosofia poggia su idee antiche – da Platone fino all’illuminismo – e può condurre a un vero e proprio rischiaramento digitale. Il Web Semantico, poi Linked Data, è stato a lungo confinato nelle discussioni di specialisti: il movimento OGD ha il pregio di metterne in luce le implicazioni politiche. Ora i dati a disposizione sono moltissimi e crescono in misura esponenziale, e ci sono anche tante applicazioni che permettono di usarli. Un esempio? OpenBilancio, che si propone di tenere sotto controllo le spese dei comuni italiani, in modo tale che chiunque possa vederle e incrociarle con altri dati, presenti e futuri, in formati linked.

Tags:

Accessi: 217

Andrea Capra, Platone e la storia. La fine di Protagora e lo statuto letterario dei dialoghi socratici

Secondo alcune fonti antiche il sofista Protagora, ormai anziano, fu accusato, come Socrate, di empietà e trovò la morte lasciando Atene, forse per sfuggire al processo o forse perché bandito dalla città. Contro questa tradizione sembra militare la testimonianza di Platone, secondo la quale, almeno in apparenza, Protagora, a differenza di altri intellettuali, non si imbatté mai in questo tipo di difficoltà. L’autore, però, osserva che Platone disponeva e padroneggiava degli strumenti letterari dell’antifrasi ironica e dell’allusione mitologica malevola, e poteva presupporre un pubblico in grado di raccogliere i suoi spunti perché ben informato dei fatti. Se leggiamo il testo platonico secondo questo registro, otteniamo una conferma – e non una smentita – della tradizione.

L’articolo, uscito su “Acme” (53:2, 2000, pp. 19-37), è disponibile ad accesso aperto e pieno presso l’archivio istituzionale dell’università di Milano. Il problema interpretativo che affronta può essere letto come una conseguenza di una caratteristica del testo scritto che lo stesso Platone aveva messo in luce nel Fedro: quella stessa rigidità e mancanza di interattività che gli consente di superare i limiti spaziali e temporali della comunicazione orale, può farlo sopravvivere senza il suo contesto, cioè senza la comunità di conoscenza nella quale e per la quale era stato composto. Quanto per gli ascoltatori di Platone era o un ovvio riferimento a un dato storico, o un’ironia altrettanto evidente, per noi è solo l’esito di una congettura filologica, che non può andare oltre la verosimiglianza, perché non possiamo più accedere alle conversazioni quotidiane dell’Atene di due millenni e mezzo fa.

Quanto più i testi sono slegati dai contesti, tanto più diventano rigidi, enigmatici, e sostanzialmente inutili. Chi pubblica ad accesso aperto offre il suo lavoro alla rete, cioè a una molteplicità di interazioni e legami (link), e quindi alla possibilità di far vivere il senso del suo testo più intensamente e più a lungo.

Ho voluto che la prima segnalazione del nuovo Btfp fosse quella di un articolo uscito e depositato altrove per rendere chiara la differenza fra una rivista tradizionale – anche ad accesso aperto, anche in rete – e questa nuova impresa. Un overlay journal non è una cassaforte, né una vetrina, ma uno spazio aperto di legami, di interazioni e di contesti che danno sensi ai testi.

Tags:

Accessi: 182