Tetradrakmaton

L'invenzione della politica

Bollettino telematico di filosofia politica
bfp
Home > Didattica > L'invenzione della politica
Ultimo aggiornamento 13 ottobre 2002

Hybris e nemesis

Le indagini di Erodoto, pur essendo messe per iscritto, erano destinate alla lettura pubblica. Anche per questo, l'autore esprime la sua visione del mondo sotto forma di racconti esemplari. Fra questi è rimasto famoso il confronto sulla condizione umana fra il re di Lidia Creso e il poeta e legislatore Solone.
A Solone, in visita a Creso, viene esibita tutta la favolosa ricchezza del re.
[1.30.1] Creso aspettò che Solone avesse osservato e considerato tutto per bene e poi, al momento giusto, gli chiese: Ospite ateniese, ai nostri orecchi è giunta la tua fama, che è grande sia a causa della tua sapienza sia per i tuoi viaggi, dato che per amore di conoscenza [os philosopheon] hai visitato molta parte del mondo: perciò ora m'ha preso un grande desiderio di chiederti se tu hai mai conosciuto qualcuno che fosse veramente il più felice di tutti. Faceva questa domanda perché riteneva di essere lui l'uomo più ricco, ma Solone, evitando l'adulazione e badando alla verità, rispose: Certamente, signore, Tello di Atene. Creso rimase sbalordito da questa risposta e lo incalzò con un'altra domanda: E in base a quale criterio giudichi Tello l'uomo più felice? E Solone spiegò: Tello in un periodo di prosperità per la sua patria ebbe dei figli sani e intelligenti e tutti questi figli gli diedero dei nipoti che crebbero tutti; lui stesso poi, secondo il nostro giudizio già così fortunato in vita, ha avuto la fine più splendida: durante una battaglia combattuta a Eleusi dagli Ateniesi contro una città confinante, accorso in aiuto, mise in fuga i nemici e morì gloriosamente; e gli Ateniesi gli celebrarono un funerale di stato nel punto esatto in cui era caduto e gli resero grandissimi onori.
[1.31.1] Quando Solone gli ebbe presentato la storia di Tello, così ricca di eventi fortunati, Creso gli domandò chi avesse conosciuto come secondo dopo Tello, convinto di avere almeno il secondo posto. Ma Solone disse: Cleobi e Bitone, entrambi di Argo, i quali ebbero sempre di che vivere e oltre a ciò una notevole forza fisica, sicché tutti e due riportarono vittorie nelle gare atletiche; di loro tra l'altro si racconta il seguente episodio: ad Argo c'era una festa dedicata a Era e i due dovevano assolutamente portare la madre al tempio con un carro, ma i buoi non giungevano in tempo dai campi; allora, per non arrivare in ritardo, i due giovani sistemarono i gioghi sulle proprie spalle, tirarono il carro, sul quale viaggiava la madre, e arrivarono fino al tempio dopo un tragitto di 45 stadi. Al loro gesto, ammirato da tutta la popolazione riunita per la festa, seguì una fine nobilissima: con loro il dio volle mostrare quanto, per un uomo, essere morto sia meglio che vivere. Intorno ai due giovani gli uomini di Argo ne lodavano la forza, mentre le donne si complimentavano con la madre che aveva avuto due figli come quelli; e la madre, oltremodo felice dell'impresa e della grande reputazione derivatane, si fermò in piedi di fronte all'immagine della dea e la pregò di concedere a Cleobi e a Bitone, i suoi due figli che l'avevano tanto onorata, la sorte migliore che possa toccare a un essere umano. Dopo questa preghiera i giovani celebrarono i sacrifici e il banchetto e poi si fermarono a dormire lì nel tempio; e l'indomani non si svegliarono più: furono colti così dalla morte. Gli Argivi li ritrassero in due statue che consacrarono a Delfi, come si fa con gli uomini più illustri.
[1.32.1] A quei due dunque Solone assegnava il secondo posto nella graduatoria della felicità [eudaimonia]; Creso si irritò e gli disse: Ospite ateniese, la nostra felicità l'hai svalutata al punto da non ritenerci neppure pari a cittadini privati? E Solone rispose: Creso tu interroghi sulla condizione umana un uomo che sa quanto l'atteggiamento divino sia pieno di invidia e pronto a sconvolgere ogni cosa. In un lungo arco di tempo si ha occasione di vedere molte cose che nessuno desidera e molte bisogna subirle. Supponiamo che la vita di un uomo duri settanta anni; settanta anni da soli, senza considerare il mese intercalare, fanno 25.200 giorni; se poi vuoi che un anno ogni due si allunghi di un mese per evitare che le stagioni risultino sfasate, visto che in settanta anni i mesi intercalari sono 35, i giorni da aggiungere risultano 1050. Ebbene, di tutti i giorni che formano quei settanta anni, cioè di ben 26.250 giorni, non uno solo vede lo stesso evento di un altro. E così, Creso, l'uomo è interamente accidentalità. Vedo bene che tu sei ricchissimo e re di molte genti, ma ciò che mi hai chiesto io non posso attribuirlo a te prima di aver saputo se hai compiuto felicemente la tua vita. Chi è molto ricco non è affatto più felice di chi vive alla giornata, se il suo destino non lo accompagna a morire serenamente ancora nella sua prosperità. Infatti molti uomini, pur essendo straricchi, non sono felici, molti invece, che vivono una vita modesta, possono dirsi davvero fortunati. Chi è molto ricco ma infelice è superiore soltanto in due cose a chi è fortunato, ma quest'ultimo rispetto a chi è ricco è superiore da molti punti di vista. Il primo può realizzare un proprio desiderio e sopportare una grave sciagura più facilmente, ma il secondo gli è superiore perché, anche se non è in grado come lui di sopportare sciagure e soddisfare desideri, da questi però la sua buona sorte lo tiene lontano; e non ha imperfezioni fisiche, non ha malattie e non subisce disgrazie, ha bei figli e un aspetto sempre sereno. E se oltre a tutto questo avrà anche una buona morte, allora è proprio lui quello che tu cerchi, quello degno di essere chiamato felice. Ma prima che sia morto bisogna sempre evitare di dirlo felice, soltanto "fortunato". Certo, che un uomo riunisca tutte le suddette fortune, non è possibile, così come nessun paese provvede da solo a tutti i suoi fabbisogni: se qualcosa produce, di altro è carente, cosicché migliore è il paese che produce più beni. Allo stesso modo non c'è essere umano che sia sufficiente a se stesso: possiede qualcosa ma altro gli manca; chi viva, continuamente avendo più beni, e poi concluda la sua vita dolcemente, ecco, signore, per me costui ha diritto di portare quel nome. Di ogni cosa bisogna indagare la fine. A molti il dio ha fatto intravedere la felicità e poi ne ha capovolto i destini, radicalmente.
[1.33.1] Creso non rimase per niente soddisfatto di questa spiegazione; non tenne Solone nella minima considerazione e lo congedò; considerava senz'altro un ignorante chi trascurava i beni presenti e di ogni cosa esortava a osservare la fine.
[1.34.1] Dopo la partenza di Solone la retribuzione [nemesis] del dio cadde pesantemente su Creso: la subì, per quanto sembra, perché aveva creduto di essere l'uomo più felice del mondo.
[trad. di F. Barberis, con alcune modifiche]
La felicità di cui parla Erodoto richiede, per essere tale, una sanzione esterna, perché non è una semplice sensazione di soddisfazione personale, ma coinvolge anche la nostra collocazione nel mondo. Perciò può essere giudicata adeguatamente solo da chi è andato disinteressatamente alla ricerca della sapienza viaggiando per il mondo. Questa, per Erodoto, è la filosofia, che si identifica, per una creatura finita come l'uomo, con l'indagine storica. Non si può capire il senso di una vita se non quando è terminata ed è al riparo dal caso, perché gli uomini sono esposti all'accidentalità: il senso delle cose finite sta, come avrebbe detto Hegel, nel loro finire.
La nemesis divina si manifestò con la sconfitta di Creso da parte dei Persiani guidati da Ciro. Questi lo fecero prigioniero e lo condussero davanti a Ciro, il quale lo fece mettere su una pira per bruciarlo vivo.
[1.86.1] ... a Creso, ormai in piedi sopra la pira, nonostante fosse in tale brutta situazione, venne in mente che Solone aveva parlato con l'aiuto di un dio, quando aveva detto che nessuno dei vivi è felice. Con questo in mente, sospirando e gemendo, dopo un lungo silenzio, chiamò tre volte il nome di Solone. Ciro lo udì e ordinò agli interpreti di chiedere a Creso chi stesse invocando; essi gli si avvicinarono e lo interrogarono. Creso dapprima evitò di rispondere alle domande, poi, cedendo alle insistenze rispose: "Quello che avrei preferito, anche pagando, avesse avuto la possibilità di parlare con tutti i sovrani". Ma poiché queste parole suonavano senza senso, gli chiesero ulteriori spiegazioni. Visto che continuavano a infastidirlo con le loro insistenze, raccontò come una volta si fosse recato da lui Solone di Atene e dopo aver visto le sue ricchezze le avesse disprezzate; ne riferì anche le affermazioni e narrò come poi tutto si fosse svolto secondo le parole che Solone aveva rivolto non soltanto a lui, Creso, ma a tutto il genere umano e specialmente a quanti a loro proprio giudizio si ritengono felici. Mentre Creso raccontava questi fatti, la pira, a cui era stato appiccato il fuoco, bruciava ormai tutto intorno. Ciro udì dagli interpreti il racconto di Creso e cambiò parere: pensò che lui, semplice essere umano, stava mandando al rogo, ancora vivo, un altro essere umano, che non gli era stato inferiore per fortune terrene; inoltre gli venne timore di una retribuzione, al pensiero che nella condizione dell'uomo non vi è nulla di stabile, e ordinò di spegnere al più presto il fuoco ormai divampante e di far scendere Creso e i suoi compagni.
[trad. di F. Barberis, con alcune modifiche]




































































































































Ricerche locali Notifica degli aggiornamenti