Tetradrakmaton

Il Fedro di Platone

Bollettino telematico di filosofia politica
btfp

Una passeggiata fuori città (Fedro 227a-228e)

Abstract

Socrates meets the young rhetorician Phaedrus outside the walls of Athens. Phaedrus tells him about a speech of the speechmaker Lysias, which demonstrated that it is wiser to begin a relationship with a person who does not love us, than with a person who does. Socrates chooses to read aloud Lysias'speech: he seems to believe that a written speech is not a separate thing, but, as it were, its author himself.

Socrate, passeggiando in un luogo per lui inconsueto, fuori dalle mura di Atene, s'imbatte nel giovane studioso di retorica Fedro. Fedro gli narra di aver appena ascoltato un discorso del logografo Lisia, un pezzo di bravura argomentativa su una tesi lontana del senso comune: che sia preferibile concedersi a chi non è innamorato, piuttosto che a chi ci ama. Socrate è ansioso di sentirlo; ma quando scopre che Fedro tiene nascosto sotto il mantello il rotolo del discorso, preferisce leggerlo ad alta voce assieme al suo compagno, poiché "Lisia stesso è presente".

Lisia, uno straniero nato ad Atene, da una ricca famiglia vicina alla parte democratica, ma priva di diritti politici, scriveva, a pagamento, discorsi per chi doveva parlare in pubblico ma non era in grado di farlo efficacemente da sé. Era, in altre parole, un tecnico della comunicazione. La scrittura gli rendeva possibile vendere la sua competenza come un oggetto distinto da lui - un testo, appunto. Socrate, però, almeno inizialmente, identifica il testo con l'autore. Questa identificazione presuppone che il discorso, in prima battuta, non sia per lui qualcosa di esterno e di riducibile a un oggetto di compravendita, ma debba sempre essere riportato alle persone che parlano.

Link rilevanti

Platone. Fedro 227a-228e.

Creative Commons License

Il Fedro di Platone by Maria Chiara Pievatolo is licensed under a Creative Commons Attribution-ShareAlike 4.0 International License.
Based on a work at http://btfp.sp.unipi.it/dida/fedro