Tetradrakmaton

L'Eutifrone di Platone

Bollettino telematico di filosofia politica
btfp

Un uomo in fuga (15c-16a)

Le opinioni di Eutifrone non solo si sono mosse, come le statue di Dedalo, ma hanno fatto un giro completo, tornando al punto di partenza. Si dovrebbe ricominciare da capo ed esaminare di nuovo che cosa sia l'hosion. Socrate, da parte sua, sarebbe ben disposto a farlo: deve, però, trattenere Eutifrone, come si narrava si dovesse fare con la multiforme divinità marina Proteo per costringerla a vaticinare. 13 Perché - dice Socrate con ironia - Eutifrone conosce certamente che cos'è l'hosion: se così non fosse, non avrebbe mai denunciato suo padre, esponendosi al rischio dell'ira degli dei e a una brutta figura davanti agli uomini (15d). A questo punto, l'interlocutore scopre all'improvviso di avere un impegno urgentissimo e si eclissa (15e). Socrate rimane solo con le sue curiosità.



[ 13 ] Anche nello Ione Socrate usa questo paragone per caratterizzare un interlocutore che non si è rivelato in grado di onorare la propria pretesa di sapienza.

Creative Commons License

L'Eutifrone di Platone by Maria Chiara Pievatolo is licensed under a Creative Commons Attribution-ShareAlike 4.0 International License.
Based on a work at http://btfp.sp.unipi.it/dida/eutifrone